In queste pagine della sezione “Generici” vengono conservati i commenti e i dialoghi degli iscritti più interessanti ordinandoli per argomento. (Ordine cronologico di lettura dall’alto verso il basso. - N.B. La data indicata sopra a inizio pagina "pubblicato da staff" non fa testo per i commenti che vengono raccolti perchè indica solo data genrica d'impaginazione dopo l'ultimo restyling tecnico del sito).

Divieto/Restrizioni short selling  2011-2012

Luke

fonte: Radiocorriere: “Milano, 12 ago – Lo stop alle vendite allo scoperto solo su quattro piazze azionarie sta sostenendo i titoli dei gruppi bancari, ma “ha portato confusione sulle piattaforme di trading alternative a Londra”. Lo scrive il Financial Times, sul suo sito internet, precisando come il provvedimento adottato da Italia, Francia, Spagna e Belgio sta creando difficolta’ su una serie di piattaforme come Chi-X Europe e Bats Europe che operano su titoli azionari paneuropei tra cui quelli dei Paesi interessati dallo stop allo short selling. Secondo il Financial Times, esperti legali per conto delle varie piattaforme sono stati impegnati in discussioni urgenti con l’Fsa, il regolatore di tali mercati di trading, per capire se anche i loro clienti sono interessati dal provvedimento: le piattaforme alternative, con base a Londra, infatti sono sottoposte alle regole della Financial Services Authority che tuttavia non ha adottato il provvedimento.” (RADIOCOR) 12-08-11 10:34:18

ulianogiu

In relazione alla Delibera della Consob del 26/8, mi sembra di aver capito che, oltre al divieto di short sui bancari, lo stesso divieto è stato esteso ai derivati e agli ETF che hanno per sottostante gli indici ( a meno che non si vendano tali titoli per coprire posizioni lunghe detenute su azioni). Chiedo cortesemente se tale interpretazione sia giusta o meno. Grazie e cordiali saluti.

Davide g.

Per quanto riguarda le vendite allo scoperto vi riporto quanto c’è scritto sul sito di Fineco: “A seguito della delibera n.17951 è stato prorogato fino all’11 Novembre 2011 il divieto di assumere posizioni nette corte o incrementare posizioni corte esistenti, anche intraday, sulle società incluse nella lista pubblicata sul sito di Consob. Nel calcolo della posizione netta corta sono da considerare, oltre che i derivati, anche le negoziazioni di ETF, covered warrant e certificates.”

Gjoe

- Per quanto riguarda il divieto di short le spiegazioni dei vari tol che ho letto sono davvero fumose xchè molti specificano che non possono verificare automaticamente tramite la piattaforma se un ordine di short selling su un determinato strumento è consentito, quindi non avendo inserito recentemente ordini short non capisco come gestiranno la cosa, perchè lo short sarebbe permesso per operazioni di copertura contro posizioni long in essere. Comunque se si manda una mail alla Consob chiedendo se anche fib e mini sono soggetti a divieto short questa è la risposta:

“In merito alla sua domanda, la FAQ indica chiaramente che operazioni allo scoperto sull’indice sono ammesse solo per finalità di copertura.L’estensione del divieto riguarda tutti gli aspetti dello stesso, quindi anche quello oggetto della sua domanda”. La cosa strana è che conosco gente che sta facendo operazioni short sul fibsp da daytrading e la piattaforma gli accetta gli ordini senza alcun problema anche in questi gg…Ma bisognerebbe verificare se è gente che fa cose tipo scalping con continui asset long/short su scadenze diverse (la cosa potrebbe aggirare il divieto). Per l’operatività più “normale” mi sa che fino all’11/11 sarà complicato andare short (il divieto comprende anche gli ETF). Questo è il copia/incolla da Directa con anche la lista degli azionari soggetti al divieto:

DIVIETO DI SHORT SUI TITOLI FINANZIARI E ASSICURATIVI DELL’MTA

Informiamo i gentili Clienti che la Consob ha prorogato ulteriormente fino al 11/11/11 il divieto di vendita allo scoperto sui titoli finanziari e assicurativi quotati sull’ MTA.

L’elenco dei titoli oggetto del divieto è il seguente:

Azimut Holding, Banca Carige, Banca Finnat, Banca Generali, Banca Ifis, Banca Intermobiliare, Banca Monte Paschi Siena, Banca Popolare Emilia Romagna, Banca Popolare Etruria e Lazio, Banca Popolare Milano, Banca Popolare Sondrio, Banca Profilo, Banco di Desio e Brianza, Banco di Sardegna Rsp, Banco Popolare, Cattolica Assicurazioni, Credito Artigiano, Credito Emiliano, Credito Valtellinese, Fondiaria – SAI, Generali, Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Mediolanum, Milano assicurazioni, Ubi Banca, Unicredit, Unipol, Vittoria Assicurazioni.

Per leggere il decreto Consob clicchi qui

APERTURA POSIZIONI SHORT SU FUTURES SULL’INDICE ED ETF

Invitiamo i gentili Clienti a prendere cortesemente conoscenza delle disposizioni CONSOB recentemente prorogate fino al 11/11/11 sulle vendite allo scoperto e tematiche connesse.

In particolare, anche l’apertura di posizioni short su Fib, MiniFib o l’acquisto di ETF short sull’indice, risultano non conformi alla normativa, a meno che siano fatte a copertura di posizioni long – in titoli bancari/assicurativi – detenuti dall’investitore presso Directa o altri depositari.

Luke

Come volevasi dimostrare, non lo capiscono proprio che così avvelenano ancor più il mercato (o magari lo capiscono fin troppo bene…):

“Vendite allo scoperto: proroga fino al 15 gennaio 2012 delle restrizioni sui titoli finanziari. A tempo indeterminato gli obblighi di comunicazione. Su tutto il listino divieto di operazioni “nude” (comunicato stampa dell’11 novembre 2011) . La Consob ha deciso oggi di prorogare fino al 15 gennaio 2012 il provvedimento restrittivo in materia di posizioni nette corte sulle azioni del comparto finanziario, adottato il 12 agosto scorso (delibera n. 17902) e poi prorogato fino all’11 novembre (delibera n. 17951). Resta quindi in vigore il divieto di assumere o incrementare le posizioni nette corte sui titoli azionari del settore bancario-assicurativo.

Restano altresì in vigore gli obblighi di comunicazione alla Consob delle posizioni ribassiste rilevanti su tutte le società quotate in Italia, introdotti il 10 luglio scorso (delibera n. 17862). Misure analoghe sono in vigore in altri Paesi europei e saranno delineate nel futuro regolamento comunitario in materia di vendite allo scoperto.

La Consob ha anche deciso di proibire le vendite allo scoperto “nude”, cioè quelle non assistite dalla disponibilità dei titoli al momento dell’ordine. Il nuovo divieto vale per tutte le azioni quotate sui mercati regolamentati italiani indipendentemente da dove sono negoziate. Il provvedimento ha efficacia dalle ore 00.00 del 1° dicembre 2011.

Le misure sono state adottate alla luce dell’attuale situazione dei mercati finanziari, caratterizzata da forte volatilità; potranno essere modificate o revocate secondo le condizioni di mercato e, per quanto possibile, in accordo con le altre autorità europee che hanno adottato analoghe misure.

Le delibere (n. 17992 e 17993 dell’11 novembre 2011) sono disponibili sul sito internet dell’Istituto (www.consob.it).”

Luke 

Il divieto di short sull’indice (quindi suoi derivati) e i titoli banche/assicurazioni è prorogato almeno fino al 24 febbraio 2012. Quindi a quanto mi risulta si può continuare a shortare SOLO i soliti industriali, energetici ecc…

Funkytrader 

DIVIETO SHORT SELLING

Borsa: Consob proroga al 14/09 divieto vendite allo scoperto  Milano – Consob proroga fino al 14 settembre il divieto di vendite allo scoperto sui titoli del settore bancario e assicurativo. “La Consob, tenuto conto delle perduranti condizioni di incertezza dei mercati finanziari – si legge in una nota – ha deciso oggi di prorogare fino alle ore 18 di venerdi’ 14 settembre il divieto delle vendite allo scoperto sui titoli del settore bancario e assicurativo, introdotto il 23 luglio scorso”.

Funkytrader 

DIVIETO SHORT SELLING

Dal sito della Consob: “Rientrano nel divieto sulle vendite allo scoperto le operazioni su strumenti finanziari derivati e ETF? No. Il divieto di vendite allo scoperto introdotto dalla Delibera n. 18283 del 23 luglio 2012 non si applica alle negoziazioni su strumenti finanziari derivati (per esempio, vendite di opzioni call o di future, acquisto di opzioni put, operatività su covered warrant, certificates), di exchange-traded funds (ETF), di diritti di opzione o di altri strumenti finanziari diversi dalle azioni.”